giovedì 26 settembre 2013

Overunity parte prima: cos'è il rendimento termodinamico

Girellando pe' la rete alla ricerca di nuove e sensazionali scoperte, ci si può imbattere in una bufala di dimensioni immani; tanto che viene da chiedersi se esiste davvero qualcuno che rinuncia alle sue ore di sonno per inventare tali cavolate.

Sto parlando dell'incredibile concetto dell'over-unity, che sostanzialmente nega in maniera netta tutte le leggi conosciute della termodinamica.
Ma a cosa si riferisce?

In termodinamica esiste una grandezza chiamata rendimento , che è il rapporto tra la quantità di energia che una macchina termica trasforma in lavoro (L) e la quantità di energia fornita alla macchina come calore (Q). Qui la formuletta, in cui quella specie di "n" è il rendimento e si legge "eta". (Tralasciamo resto della simbologia per quel che riguarda quello che c'è sotto al segno della frazione, a noi interessa solo Q)


fonte Wikipedia

Trattasi di una grandezza adimensionale, in quanto proviene dal rapporto tra due grandezze che si misurano entrambe in joule (in base al primo principio della termodinamica calore e lavoro sono equivalenti), ma il fatto più importante è che questa grandezza può essere soltanto minore di 1.
Lo so, è una bella fregatura.
Questo comporta il fatto che la benzina del nostro serbatoio fornisce movimento alle ruote solo in una piccola parte, per il resto viene dissipata come calore senza compiere alcun lavoro.

Ma potrebbe essere altrimenti? In questo post la spiegazione






Nessun commento:

Posta un commento